ARTICOLI

Menu: AZIENDE / RISK MANAGEMENT

Grandi player della finanza stanno sostenendo la Non-disclosure campaign di Cdp, per sensibilizzare le multinazionali verso una maggiore trasparenza sui temi ambientali. Le informazioni sono necessarie per calibrare la scelta dei portafogli di investimento

In Italia, la cultura della prevenzione e della gestione del danno stenta a radicarsi. Ancora più difficile è parlare delle azioni pratiche per scongiurare eventi avversi: le aziende sono minacciate ma spesso fanno finta di non saperlo. Se n’è parlato a Milano, in un evento organizzato da Società e Rischio

Le esigenze assicurative delle piccole e medie imprese sono spesso sottovalutate anche se queste rappresentano la stragrande maggioranza del settore produttivo italiano

Imprese di produzione e settore finanziario devono trovare soluzioni di gestione del rischio che permettano di mantenere solido e sicuro il proprio business. Per Elisabetta Magistretti, consigliere di Mediobanca, di Luxottica e di Smeg, l’esigenza del prossimo futuro sarà quella di interpretare il cambiamento per non perdere le posizioni acquisite

Se il 2017 è stato l’anno peggiore per la cyber security, il 2018 non si concluderà in modo migliore. Le aziende italiane sono nel mirino dei cybercriminali e gli investimenti sono inadeguati. È l’allarme lanciato dagli esperti

Valutare correttamente l’impatto delle mutate condizioni di mercato è un elemento strategico per dare credibilità verso gli istituti finanziari. Per questo, le piccole e medie imprese devono sviluppare un sistema di risk management che consenta di avere una chiara visione dello scenario del business

A Milano, Insurance Connect ha riunito imprenditori e professionisti per un confronto sui prossimi scenari che sfidano il top management: terrorismo, reputazione, sicurezza informatica, inquinamento, credito e terremoti. È emersa l’importanza strategica di una maggiore conoscenza del contesto reale in cui operano le aziende, che sappia andare oltre i pregiudizi e le immotivate paure, lasciando spazio a un approccio strategico alla gestione dei rischi

Sono molte le cause che possono determinare la pericolosità di un cibo immesso sul mercato e dal quale possono derivare rischi per la salute umana: pulizia degli ambienti, conservazione ma anche contaminazione con sostanze non idonee

Tra le tante voci, il Codice del Consumo tratta anche della sicurezza degli alimenti e si sofferma sul tema della difettosità di tali merci e sulle modalità di richiamo dal mercato, operazione da intraprendere per evitare rischi alla salute dei consumatori

L’Italia è uno dei paesi con il più alto numero di opere d’arte, e per ciò uno dei più esposti a rischi come furto, danneggiamento, mancata custodia. Anche per questo è tra i primi promotori di iniziative di tutela