ARTICOLI

Menu: AZIENDE / SCENARIO

Le multinazionali che operano sul territorio italiano hanno un modello di gestione e di sviluppo orientato all’innovazione e alla sostenibilità: le ricadute sul tessuto imprenditoriale locale vanno quindi oltre il solo rapporto economico e produttivo

Per contenere l’impatto sull’economia della pandemia di Covid-19, il Governo ha messo in atto nel 2020 una serie di misure statali di moratoria sui finanziamenti e di intervento a sostegno della liquidità. Questi interventi hanno evitato negli ultimi due anni la chiusura di molte imprese. I dati confermano tuttavia che la mortalità maggiore si è verificata nei settori più colpiti dalla sospensione delle attività

Per le imprese manifatturiere, aumentano le difficoltà di adeguarsi alle sollecitazioni del contesto globale che affaticano la produzione, ragione per cui molte pensano di esternalizzare l’attività. La soluzione ai problemi potrebbe però venire da un approccio più proattivo verso i mega-trend che caratterizzano il mercato

Pubblicato il settimo rapporto dell'Osservatorio sulla demografia d'impresa dell'Ufficio Studi di Confcommercio. In nove anni perse quasi 100mila imprese commerciali. I centri storici cambiano ma non si spopolano; nelle città d'arte più B&B che alberghi

In un contesto critico, come è quello della pandemia, le imprese di produzione subiscono un impatto negativo superiore rispetto a quelle dei servizi e in genere alle attività di servitizzazione. La ragione sta nella mission stessa di queste aziende ma anche in modelli di business più agili

Secondo uno studio condotto da EY, nel 2021 il 69% delle 300 aziende italiane analizzate ha previsto politiche tese allo sviluppo sostenibile. Spicca l’attenzione a definire obiettivi, tempistiche e target quantitativi, estendendo la prospettiva della transizione energetica verso una più ampia trasformazione della società e delle persone

L’aumento del prezzo del gas ha effetti su tutta la filiera dell’agroalimentare, sia nei costi delle bollette che nell’acquisto e disponibilità delle materie prime. In attesa di possibili sostegni, sono molte le imprese che preferiscono sospendere l’attività, con ricadute sui consumatori e sull’occupazione.

Le imprese che operano in collaborazione tra loro si mostrano più ricettive sui temi della responsabilità sociale e 9 su 10 investono in cultura, ambiente, rapporti con il territorio e benessere dei dipendenti. Un trend che si annuncia in ulteriore crescita nei prossimi anni

L’anno in corso sta portando risultati migliori del previsto nelle esportazioni italiane, trainate da una crescita accelerata del commercio globale. La ragione risiede nella buona ripartenza dell’economia, sostenuta da una ritrovata fiducia di aziende e consumatori, e nelle misure di sostegno messe in atto. I migliori risultati per beni di investimento e agricoltura