ARTICOLI

Menu: AZIENDE / SCENARIO

Dopo anni di crescita, il sistema dei trasporti via mare ha subito l’impatto del blocco dei commerci per il Covid e ora risente dei nuovi equilibri geopolitici. Serve un salto evolutivo che consideri anche le nuove norme sull’impatto ambientale e la transizione digitale

Cerved e Greenomy hanno avviato una collaborazione al fine di rendere disponibili anche alle imprese e agli enti finanziari italiani nuovi strumenti di verifica dell’allineamento rispetto alla regolamentazione dell’Unione Europea sulle tematiche Esg

Rappresentano il 22% delle aziende a livello nazionale, ma si mostrano interessate più di quelle a guida maschile alle tecnologie digitali e alla sostenibilità ambientale. Per giovani e straniere sono una via di affermazione

I settori produttivi sono chiamati a rispondere del loro apporto alle emissioni di CO2, ma allo stesso tempo devono gestire le conseguenze sulla propria attività di un ambiente che cambia. La strategia da adottare affianca agli evidenti rischi le opportunità di assecondare le nuove sensibilità sociali

Le associazioni dei settori Hard to Abate si uniscono per fare il punto sugli obiettivi imposti dal “Net Zero”. Ma la strada è sbarrata anche dalle incertezze sulle politiche energetiche a fronte del conflitto. A ciò si aggiunge l’aumento esponenziale dei costi. Le direttive Ue sembrano per di più stringenti

L’indagine restituisce un’istantanea sull’andamento dell’economia italiana nello scorso anno: seppur ben resilienti e trainate da una crescita evidente nel post-pandemia, le imprese hanno aumentato i prezzi rivedendo però al ribasso i margini di profitto. Concause sono l’aumento dei costi energetici e la mancanza di materie prime

Quello che viene chiamato l'ecosistema delle scienze biologiche è in grande salute: la pandemia ha accelerato la crescita delle aziende italiane in questi comparti, che rappresentano avamposti d'innovazione e crescita, attirano finanziamenti e guidano la ricerca anche a livello europeo

Dopo l’ottima performance della ripartenza del 2021, le previsioni di crescita per quest’anno devono essere riviste al ribasso (+1,5% contro +4,9%), a causa delle tensioni internazionali e della scarsità delle materie prime. Ciò nonostante, le imprese industriali italiane si mostrano capaci di governare la situazione contingente e sono attese a una crescita del 2,6% annuo fino al 2026

Le multinazionali che operano sul territorio italiano hanno un modello di gestione e di sviluppo orientato all’innovazione e alla sostenibilità: le ricadute sul tessuto imprenditoriale locale vanno quindi oltre il solo rapporto economico e produttivo

Per contenere l’impatto sull’economia della pandemia di Covid-19, il Governo ha messo in atto nel 2020 una serie di misure statali di moratoria sui finanziamenti e di intervento a sostegno della liquidità. Questi interventi hanno evitato negli ultimi due anni la chiusura di molte imprese. I dati confermano tuttavia che la mortalità maggiore si è verificata nei settori più colpiti dalla sospensione delle attività

Per le imprese manifatturiere, aumentano le difficoltà di adeguarsi alle sollecitazioni del contesto globale che affaticano la produzione, ragione per cui molte pensano di esternalizzare l’attività. La soluzione ai problemi potrebbe però venire da un approccio più proattivo verso i mega-trend che caratterizzano il mercato