ARTICOLI

Menu: GRANDI RISCHI / EVENTI NATURALI

L’Istat ha aggiornato le serie storiche dei dati meteo-climatici in 21 capoluoghi italiani. Il risultato non lascia dubbi sui cambiamenti in corso nel Paese: tra il 2002 e il 2016 le città italiane sono più calde di un grado rispetto al 1971-2000. Così la bella stagione guadagna più di due settimane

Secondo la competente Autorità di distretto idrografico nell’Urbe ci sarebbero 32 kmq di gallerie e cavità Secondo la competente Autorità di distretto idrografico nell’Urbe ci sarebbero 32 kmq di gallerie e cavità sotterranee a rischio voragine

Piovono polpette. Anzi no, satelliti. Non è un nuovo film a cartoni animati e non è la prima volta che se ne sente parlare ormai: i satelliti cadono. E cadono sulla Terra. Il rischio che atterrino sulle nostre città e sulle nostre teste comincia a non apparire un evento così remoto, anche se i responsabili dei programmi spaziali fanno di tutto per limitare i danni e la paura. Ma come possiamo proteggerci e proteggere le nostre proprietà?

Una ricerca di Dnv su 1200 clienti ha analizzato l’approccio verso il climate change e gli strumenti adottati per aumentare la resilienza dell’impresa. Cresce la sensibilità al rischio, che coinvolge l’intera catena del valore, ma le forme di adattamento aspettano spesso norme e incentivi

Una forte defiscalizzazione, la collaborazione con i gestori delle utenze per il pagamento dei premi e il ricorso a strumenti finanziari per il trasferimento dei rischi. Questa la strategia per introdurre le polizze catastrofali nel nostro Paese, proposta in un convegno organizzato da Schult'z risk centre