ARTICOLI

Menu: GLI ESPERTI

Il lavoro del ricercatore italiano Pietro Sternai, e dell’equipe in cui lavora, aiuta a capire meglio come le nostre società siano messe a rischio dall’aumento delle temperature: dalla scarsità idrica all’attività vulcanica

Le attività di controllo in ospedale rappresentano un nodo centrale per garantire la salute pubblica. Per questo è necessario individuare sistemi capaci di fare fronte alla presenza di batteri resistenti in ospedale, limitarne la diffusione rinforzando l'infection control e bloccare la diffusione del contagio

Tollerare fenomeni come gli edifici costruiti illegalmente o l’occupazione di quelli non utilizzati non è irrilevante dal punto di vista sociale: ammettere tali fenomeni contribuisce a creare situazioni di marginalità, con il rischio di incentivare anche altre forme di illegalità

Il nostro è uno dei paesi più esposti al rischio idro-geologico, e in particolare al rischio terremoto. L’Istituto Nazionale di Geofisica monitora costantemente i movimenti tellurici ed ha costituito un catalogo storico degli eventi utile a conoscere meglio il fenomeno. Ma tra minacce sismiche e vulcaniche, è necessario fare cultura della prevenzione

Il terrorismo di matrice jihadista viene in genere presentato dai media come un fenomeno uniforme, che si manifesta allo stesso modo e ha origini simili in tutti i paesi interessati. Si tratta invece di una realtà che è fortemente condizionata dalle situazioni locali: rientra nei compiti di chi comunica saper fornire informazioni che tengano in considerazione le tante distinzioni socio - politiche

Alberto Broggi, il docente universitario italiano considerato tra i pionieri nello sviluppo delle smart car, sperimenta il futuro della mobilità, progettando la tecnologia che permetterà alle vetture di vedere (e pensare) esattamente come una persona umana

La ribellione è una delle forme con cui i giovani cercano una propria autonomia dal contesto in cui vivono e negli anni si è manifestata in forme differenti. L’uso del web, e in particolare dei social, si manifesta oggi come una forma di auto-affermazione, che deve essere però supportata da un’adeguata consapevolezza dei rischi connessi