ARTICOLI

Menu: GRANDI RISCHI / EVENTI NATURALI

Uno studio messo a punto da Politecnico di Milano e Cmcc con la collaborazione di Amundi potrebbe centrare l’obiettivo di ridurre, a costi sostenibili, i gas nocivi dall’atmosfera

Il McKinsey Global Institute ha pubblicato un report che descrive gli scenari futuri per la società e l’economia se non si dovessero mettere in atto forme di difesa dall’innalzamento delle temperature. A rischio gli stili di vita e di sostentamento di molte popolazioni: serve un nuovo approccio da parte di governi e investitori

Carbon Disclosure Projetct ha analizzato i rischi causati dal cambiamento climatico, il livello di consapevolezza dei grandi centri urbani e la loro capacità, oltre la gestione delle emergenze, di attivare efficaci azioni di prevenzione

Il sistema finanziario è tremendamente esposto alle conseguenze del climate change e il rischio è sottostimarlo. Lo sostengono quattro ricercatori italiani in un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica Nature Climate Change

Lo stravolgimento climatico sta minando la dinamica geopolitica del nostro pianeta. Lo conferma un rapporto CeSi che ne evidenzia l'impatto sugli equilibri socio-economici nelle aree povere del Mondo, dove scontri tribali e organizzazioni armate mettono a rischio l'accesso alle risorse

Più cicloni, meno fauna marina, ghiacciai addio. È quanto prevede il nuovo rapporto dell’Ipcc (Onu). Un documentato e autorevole avvertimento su quel che il cambiamento climatico sta provocando e provocherà agli oceani, al ghiaccio marino e terrestre, ai poli e sulle montagne

Sono 315 gli eventi registrati lo scorso anno, che hanno colpito 68,5 milioni di persone provocando quasi 12mila vittime mortali, e con un impatto economico di 132 miliardi di dollari. A rivelarlo è l’ultimo report del Cred

In un Paese dove il 91% dei comuni è a rischio idrogeologico e si spende sette miliardi di euro l’anno per i danni da catastrofi naturali, la collaborazione tra gli enti pubblici e i privati è sempre più d’attualità. Quale la strategia giusta per proteggere il patrimonio naturale, umano e culturale italiano?