ARTICOLI

Menu: SOCIETÀ

Gli italiani non comprano online: solo il 32% ha effettuato almeno un acquisto sul web nell’ultimo anno. Peggio di noi in Europa solo Croazia, Bulgaria e Romania

Il problema della denatalità in Italia getta un’ombra sulla tenuta sociale ed economica del nostro Paese nei prossimi anni. Per invertire la tendenza servono politiche di investimento sui servizi rivolti all’infanzia da zero a cinque anni

L’istituto per gli studi di politica internazionale presenta il secondo fact checking sulle migrazioni. Calano gli sbarchi, ma resta alta la pressione sul sistema di accoglienza. Dati alla mano, viene smentita la relazione tra ruolo delle Ong e flussi nel Mediterraneo. Confermata invece l’assenza di una politica europea a sostegno dell’Italia

A cura del centro studi Inaz, un volume per conoscere e approfondire tutte le novità degli ultimi mesi: dalla conciliazione vita-lavoro al welfare aziendale

In attesa che nasca il nuovo governo, per il Paese è necessario imparare a gestire i propri processi. Per questo Anna Zanardi, consulente aziendale, invita a rompere l’individualismo, per valorizzare le migliori risorse disponibili

Verso un codice di condotta per social network e motori di ricerca: in assenza di miglioramenti, a dicembre potrebbero scattare obblighi normativi. Nel mezzo, annunciati aiuti economici al giornalismo di qualità e una piattaforma indipendente di fact-checking

Secondo Massimo Guidolin, docente dell'università Bocconi, nell’asset management crescono sia la domanda che l'offerta di professionisti. Tuttavia, l’incontro nel mercato non è scontato. Pesano il rischio della Brexit e della ciclicità della domanda

Da Ottaviano a Robinson Crusoe, fino alle ultime presidenziali statunitensi. Le fake news sono tutt’altro che un fenomeno contemporaneo, ma gli uomini non hanno smesso di crederci. La ragione? Il falso attira più del vero

Italiani più sobri e accorti, ma anche più ottimisti: il primo rapporto dell’Osservatorio sui consumi delle famiglie fotografa un paese “all’anno zero”, che ha ormai elevato a nuova normalità le consuetudini imposte dalla crisi economica